MeteoTeramo.it

Meteo, Clima e Biosfera in provincia di Teramo

Parco territoriale attrezzato Fiume Vomano

Informazioni Generali

Tipo di Area Parco Territoriale
Istituzione 1995
Superficie 335 ha
Quota 250-400 mslm
B.Idrografico Vomano
Gestione Comune Montorio al V.
Sito Web riserveabruzzo.it

Informazioni Botaniche

Sp.Arbustive Evonimo, Ginepro
Biancospino, Prugnolo
Sp.Arboree Leccio, Roverella
Nocciolo, Acero
Orniello, Sorbo
Veg.Ripariale Salice, Carpino Bianco
Pioppo Bianco e Nero

Informazioni Faunistiche

Mammiferi Volpe, Faina, Cinghiale
Scoiattolo, Tasso
Riccio, Istrice, Talpa
Avifauna Falco Pellegrino, Merlo
Gruccione, Usignolo
Fauna Ittica Cavedano, Barbo
Vairone, Rovella
Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga

Ambienti - Testi tratti da riserveabruzzo.it

Nella parte superiore dell’area protetta il fiume scorre tra le pareti di roccia arenaria, modellate dall’azione erosiva delle acque, nella parte inferiore l'alveo è più ampio, con i primi depositi alluvionali.

Biodiversità Vegetale - Testi tratti da riserveabruzzo.it

Lungo l’alveo del fiume sono presenti formazioni riparali di pioppo bianco, pioppo nero, salice rosso, carpino bianco, aceri e nocciolo, mentre su alcune pareti rocciose vegetano piccoli popolamenti di leccio, una quercia di ambienti caldi che vive in questa zona grazie ad un microclima particolare.

Biodiversità Animale - Testi tratti da riserveabruzzo.it

Tra i mammiferi più comuni troviamo il riccio, il tasso, la talpa, lo scoiattolo meridionale, la volpe, la faina e il cinghiale. Tra la ricca avifauna troviamo il falco pellegrino, il gruccione, il merlo acquaiolo e l’usignolo di fiume. La fauna ittica è rappresentata dal cavedano, dal barbo, dal vairone e dalla non comune rovella.

Inquadramento Territoriale

La Riserva, istituita nel 1995, si trova su una delle principali vie di accesso al Parco Nazionale del Gran sasso e Monti della Laga e tutela un habitat fluviale poiché interessa il tratto medio del corso del fiume Vomano, tra i 250 e i 400 m, a nord di Montorio . Estesa per 335 ettari, costituisce attualmente la più grande tra le riserve abruzzesi di questo tipo.

Il Tempio di Ercole e la Via Salaria - Testi tratti da riserveabruzzo.it

Nascosti tra il verde della vegetazione e le arenarie multicolore si trovano i ruderi di un rarissimo Tempio dedicato ad Ercole. Altro importante aspetto archeologico è costituito dai resti di alcuni tratti della via Salaria. Essa costituiva un importante via di comunicazione in quanto permetteva sia il trasporto del prezioso sale dall’Adriatico all’antica Roma che il collegamento tra la città di Teramo e i paesi interni.

Documenti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy