MeteoTeramo.it

Meteo, Clima e Biosfera in provincia di Teramo

I proverbi meteorici nella provincia di Teramo

Traggo spunto dalla pubblicazione “Elementi Climatologici della città di Teramo” del Prof.Palagi pubblicato nel secolo scorso, per elencare i principali proverbi storici pronunciati fin dai tempi antichi dalle genti delle nostre terre.
Inoltre, per onor di cronaca, va citato (come del resto già fatto nella pubblicazione del Palagi) il Sig.Giuseppe Savini “esimio cultore di studi patrii, e specialmente nel dialetto teramano…”da cui è stata curata all’epoca questa raccolta di proverbi. 

● Tanda nebbie de Iennare, tanda neve de Febbrare
● Febbrare curte e amare
● Mannulelle nun fiorire, ca vè Mmarze e ‘tte fa pendire
● Mmarze, lu giuvene dome e lu vicchie ammazze
● La neve marzoline dure da la sere a la matine
● Abbrile, nun te scuvrire; Magge, adagge adagge
● Abbrile temberate, nen fu maie ‘ngrate
● Magge e Abbrile temberate, ‘bbeehate culle befolche ch’ha semenate
● Abbrikle, fa ‘sci la vicchie da lu cuvile
● D’Abbrile lu belle felare e lu dolce durmire
● U vè adde, u vè basse, l’immerne finisce a Pasque
● A la prim’acque d’Ahoste more la cicale
● A la prim’acque d’Ahoste, lu povere da lu ricche s’arcunosce
● Sand’Andoneje gram breddure, San Lurenze gran callure l’une e l’addre poche dure
● A tutte li sande l’immerne se fa ‘vande
● Dicembre, ‘nnanze me coce, e ‘rrete m’engenne
● Fin a ‘Nnatale, nè fredde nè fame
● Lu vende ne ‘vva maje senza lu piove
● Lu vende porta la fiaschette ‘n golle
● D’immerne lu scirocche, ogge tire, dumane sclocche
● La vure, u nette, u sfure
● Levande che vè da mare, dure tre jurne, u na settimane; e se è perfette dure na quarandane
● Lu scirocche d’Abbrile, lu tembe raffile
● Se uje tire la curine, dumane acque a’ttine
● Sole a ‘ffenestrelle acque a ‘ccatenelle
● Lache lundane, acque vicine; lache vicine, acque lundane
● Tembe che luce, acque adduce
● Terra ‘mbussa e preta ‘ssutta, cattive tembe; preta ‘mbussa e terra ‘ssutta, tembe bone
● Pe la sanda Cannellora se ‘cce nengue se ‘cce plora da l’immerne seme fora
● Abbrile, ugne jurne nu varile
● Abbrile na hocce lu dì
● Quattr’Abbrelande, quaranda dì durande
● Fava ‘n fiore, acque a ‘rrumore
● L’acque de ‘Ggiugne fa torce lu grugne, l’acque d’Ahoste fa torce la vocche
● Se ‘ppiove a ‘Ssanda Bibbiane, piove quattre settimane
● Daije te ne libbere da lu fanghe d’Ahoste e da la polvere de Jennare
● De sere l’arche balene, lu monne arserene se ‘vvè la dumane, lu monne ‘mbandane
● Doppo tre ‘ggele, u acque, u neve
● Anne de neve, anne de ‘bbene
● Anne nevose, anne abbunnanziose
● Sott’acque fame, sotto neve pane
● Sci fa Natale a lu sole, fa Pasque a lu tezzone
● Marze n’aha nu jurne come n’andre
● Marze è pazze
● Pe ‘Ssan Dunate l’immerne è nate
● Pe ‘Ssan Bartulummè la rennelle va e la ficetele vè
● Pe ‘ssande Catarine la neve fra li spine
● La nebbia ‘bbasse, cume lu trova lu lasse
● Serene de notte, dure quande l’asene trotte
● Se la mundagne se mette lu cappelle, vinne la crape e ‘ccumbre lu mandelle
● Se la mundagne se mette li ‘bbrache, vinne lu mandelle e ‘ccumbre la crape

Questi sono i maggiori proverbi teramani che riguardano gli eventi meteorici.
Dal manuale del Palagi si deduce una nota che riporta la possibilità di approfondire ulteriormente l’argomento con “il dottissimo studio sul dialetto Teramano dell’Ancona (Edizioni Civelli, 1879)”.

Ogni singolo proverbio, che in questo articolo risulta senza la traduzione nella lingua italiana, verrà ripresentato in altri articoli con opportune spiegazioni sia letterarie che di concetto.
L’elenco, inoltre, potrà essere soggetto, tramite l’aiuto dei lettori, ad un ulteriore completamento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Cookie Policy